Ultima modifica: 1 ottobre 2018

IL BULLISMO: UN FENOMENO IN CRESCITA

Il 28 settembre 2018 sul giornale “Gli stati generali” è apparso un articolo  della giornalista  Giulia Dellepiane, che si propone di analizzare i nuovi aspetti che caratterizzano il fenomeno del Cyberbullismo. Qui di seguito se ne riporta un’estratto, al fine di consentire a tutta la nostra comunità scolastica l’opportunità di riflettere e prendere sempre più coscienza di  come sia fondamentale la collaborazione di tutti per prevenire e arginare il dilagare di questa realtà.

“Il presidente Sergio Mattarella ha voluto parlarne all’inaugurazione dell’anno scolastico, evidenziando come vada contrastato anche il fenomeno del bullismo dei genitori, altrettanto in crescita e attuato con violenze fisiche e verbali contro gli insegnanti e i compagni di classe dei figli.

[…] Emanuela Mazzoni, psicologa specializzata in counseling relazionale, in questo articolo definendo il Cyberbullismo, afferma che:

E’ una forma di violenza agita nei confronti di una persona debole. Si compone di tre elementi chiave: il primo è la non rilevanza, il secondo  è uno stato interiore rabbioso e il terzo è la distanza dai sentimenti dell’altro.

[…] Il bullo è un egocentrico, che concentra la sua attenzione su ciò che vuole ottenere.

[..]  I genitori debbono riappropriarsi del loro tempo con i loro figli, perché è lo spazio relazionale  tra genitori e figli il promo luogo della prevenzione. Dedicarci del tempo insieme senza l’interruzione della tecnologia. [..]

L’auspicio è quello di creare una cultura del sentimento.

 

La referente del Cyberbullismo

Prof.ssa Tania Timpanaro

 

 

 

Il 28 settembre 2018 sul giornale “Gli stati generali” è apparso un articolo  della giornalista  Giulia Dellepiane, che si propone di analizzare i nuovi aspetti che caratterizzano il fenomeno del Cyberbullismo. Qui di seguito se ne riporta un’estratto, al fine di consentire a tutta la nostra comunità scolastica l’opportunità di riflettere e prendere sempre più coscienza di  come sia fondamentale la collaborazione di tutti per prevenire e arginare il dilagare di questa realtà.

“Il presidente Sergio Mattarella ha voluto parlarne all’inaugurazione dell’anno scolastico, evidenziando come vada contrastato anche il fenomeno del bullismo dei genitori, altrettanto in crescita e attuato con violenze fisiche e verbali contro gli insegnanti e i compagni di classe dei figli.

[…] Emanuela Mazzoni, psicologa specializzata in counseling relazionale, in questo articolo definendo il Cyberbullismo, afferma che:

E’ una forma di violenza agita nei confronti di una persona debole. Si compone di tre elementi chiave: il primo è la non rilevanza, il secondo  è uno stato interiore rabbioso e il terzo è la distanza dai sentimenti dell’altro.

[…] Il bullo è un egocentrico, che concentra la sua attenzione su ciò che vuole ottenere.

[..]  I genitori debbono riappropriarsi del loro tempo con i loro figli, perché è lo spazio relazionale  tra genitori e figli il promo luogo della prevenzione. Dedicarci del tempo insieme senza l’interruzione della tecnologia. [..]

L’auspicio è quello di creare una cultura del sentimento.

 

La referente del Cyberbullismo

Prof.ssa Tania Timpanaro

 

Per un maggior approfondimento è possibile leggere l’articolo in versione integrale cliccando sul seguente link:

 

Il bullismo? Si alimenta di rabbia e indifferenza


Torna su